La Nostra Storia - A.S. Pallacanestro Gustalla a.s.d.

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Nostra Storia

Società
LA NOSTRA STORIA

CHI SIAMO

L’AS Pallacanestro Guastalla asd è la sezione cestistica dell’US Saturno Guastalla asd.
La Società ha un proprio Consiglio Direttivo, sebbene sia sempre collegato a quello della Società madre. La
nostra filosofia è semplice: attraverso lo sport, far nascere nelle future generazioni i valori di rispetto per il
prossimo e per la società civile.

LA NOSTRA STORIA

1900 - 1920: grazie al prof. Rossi Bruno, istruttore d’educazione fisica presso le locali scuole elementari, e
fondatore della polisportiva Pro Juventude, il gioco della “palla al cesto” entra a far parte della vita sportiva
dei giovani guastallesi. Dopo qualche anno però, il primo conflitto mondiale interromperà tutte le attività
sportive.

1920 – 1945:
terminata la guerra, l’educazione sportiva a Guastalla è interamente organizzata dal partito
fascista. Nel 1922 si gioca la prima partita ufficiale da parte di una squadra di basket guastallese:
Guastalla batte Correggio 43 a 8
.
Il secondo conflitto mondiale però, interrompe nuovamente tutte le attività sportive.
Nell’estate del 1944, nasce l’US Saturno Guastalla.

1955 – 1965:
la ricostruzione post-bellica richiede uomini, che non hanno tempo e voglia di
dedicarsi alla pallacanestro, la quale non riparte fino a metà degli anni ’50, quando presso il nuovo Oratorio
Don Bosco il parroco Don James Tosi ed Ettore Spaggiari, iniziano a reclutare atleti per formare una nuova
leva di cestisti. Sono anni pionieristici dai quali, però, escono ragazzi di valore.

1965 – 1975:
quei ragazzi di talento cresciuti all’ombra dell’Oratorio scrivono a caratteri cubitali i propri
nomi nella nostra storia. Infatti, l’US Saturno categoria Ragazzi CSI si laurea campione provinciale
prima, regionale poi, e si classifica 3a ai campionati Nazionali Italia settentrionale, giocati a Lecco
nell’estate del 1974. Ad oggi quell’impresa rimane il miglior risultato raggiunto da una formazione
giovanile di basket guastallese.

1975 – 1985
: Dopo l’exploit dei ragazzi di Spaggiari a Lecco, c’è una vera esplosione del basket a Guastalla.
I campetti all’aperto degli Oratori cittadini sono sempre occupati da giovani che vogliono imitare i vari Dr. J,
Magic o Jabbar…. L’attività procede a gonfie vele, sennonché un gruppo di ragazzi, in disaccordo con la
decisione della Saturno di partecipare quasi esclusivamente ai campionati organizzati dal CSI, si stacca e
fonda il GS Basket Guastalla
, che propenderà verso la partecipazione ai campionati organizzati dalla FIP.
In quegli anni molte sono le incomprensioni e le liti tra le 2 fazioni sportive, che da un lato non sono
propriamente edificanti, ma dall’altro amplificano ulteriormente la passione per il basket, fino a sfociare nei
famosissimi derby tra Saturno e Sarmog (lo sponsor del GS Guastalla).
La palestra Rossi si riempie all’inverosimile per quelle partite, e le opposte tifoserie fanno a gara per le
coreografie migliori.
I settori giovanili sfornano un gran numero di atleti, alcuni di gran valore, ma le prime squadre non riescono
ad andare oltre il campionato di Promozione.

1985 – 1994:
dopo quasi un decennio di divisione, si giunge alla decisione di riporre le asce di guerra e
provare a riunirsi.
Nell’estate del 1985 un primo abbozzo di fusione si sviluppa sulla prima squadra, che partecipa al
campionato di Promozione 1985/86. Solo la finale persa contro Piumazzo nel maggio del 1986 impedisce
l’immediato salto di categoria, ma è la molla definitiva per la nascita dell’AS Pallacanestro Guastalla.
Il 9 settembre 1986 nasce la nostra Società che, sotto la sua bandiera, vede giocare la prima squadra e le
squadre junior, mentre il settore minibasket è sempre seguito dalla Saturno.
Fabrizio Zini è eletto primo presidente della Pall. Guastalla, mentre Ettore Spaggiari è il vice-presidente.
Il frutto della fusione si raccoglie immediatamente, con la storica promozione in Serie D della mitica
CReA Guastalla di coach Lucio Artoni, che il 22 maggio 1987 in una palestra Bruno Rossi piena
all’inverosimile riesce a piegare in finale lo Scandiano, col punteggio di 66 a 56.
La promozione in D (a quel tempo campionato Nazionale) provoca un’inversione di rotta nelle tendenze
sportive dei guastallesi, da sempre più propensi al gioco del calcio.
Le iscrizioni alle squadre giovanili aumentano a dismisura, ed addirittura si parte col settore femminile! Una
città che vive il basket a 360°, anche a livello di sponsor. Le grandi realtà commerciali guastallesi si
avvicinano alla Pallacanestro Guastalla, garantendo di vivere un periodo florido e felice.
Ma purtroppo, come in tutte le vicende sportive, l’abitudine fa scemare l’entusiasmo. Sebbene la prima
squadra mantenga la categoria ed il settore giovanile sforni giovani talenti con regolarità, pubblico e sponsor
iniziano a disertare la Pall. Guastalla.
Si arriva così alla crisi del 1994. La FIP in quell’anno crea il campionato di serie C2 (attuale C Regionale), al
quale possono partecipare tutte le squadre che hanno mantenuto la categoria al termine della stagione
1993/94 di serie D.
La Pallacanestro Guastalla fa parte di queste squadre, ma nel campionato precedente non schiera una
formazione giovanile Propaganda, così come richiesto dalla FIP. Questo cavillo burocratico crea tensioni
anche in seno alla Società, ed il Consiglio decide inaspettatamente di sciogliersi, mettendo in vendita i diritti
sportivi della serie D.

1994 – 2001
: Al termine di un’estate di fuoco, l’allora Presidente dell’US Saturno, Giuseppe Frigeri (uno dei
ragazzi di Lecco ’74…), decide assieme al Consiglio Direttivo della polisportiva di acquisire i diritti di AS
Pallacanestro Guastalla, che diviene a tutti gli effetti la sezione cestistica dell’US Saturno.
Durante l’estate viene ricostruito il Consiglio Direttivo della Società, e Luca Messori viene eletto 2°
presidente della Pallacanestro Guastalla.
La prima squadra mantiene la serie D, ed è formata prevalentemente da atleti guastallesi. Tra mille difficoltà,
soprattutto economiche, emerge però un settore giovanile di assoluto valore, che da buone speranze per il
futuro.
Negli anni successivi lo staff dirigenziale costruisce sempre formazioni di gran livello, ma che non riescono
mai a compiere il salto in C2. Addirittura si retrocede in Promozione al termine del campionato 1997/98,
dopo una stagione che vede quasi tutto il roster fuori per infortunio.
Assorbito il colpo, viene immediatamente attrezzata una formazione per salire di categoria, che nella
stagione 1998/99 arriva tranquillamente ai play-off senza però andare oltre.
Nelle 2 stagioni successive la Società opera degli investimenti importanti, che permettono di allestire delle
vere e proprie corazzate! Ebbene, per ben 2 volte consecutive, ma per motivazioni diverse, la squadra perde
la finale per tornare in serie D.
E’ una delusione troppo cocente, che provoca il di scioglimento del Consiglio Direttivo, e l’abbandono da
parte di molti dirigenti e giocatori.

2001 – 2005:
Nell’estate del 2001 si prova a ricostruire sia il Consiglio Direttivo, sia la prima squadra. Il
settore giovanile si mantiene vivo anche dopo questo scossone, grazie all’ottimo lavoro degli allenatori e
responsabili di settore.
Vengono inseriti in Consiglio (sotto il coordinamento di Giuseppe Frigeri) alcune figure nuove, che
implementano quei pochi rimasti dalla stagione precedente. La prima squadra viene quasi totalmente formata
dai ragazzi delle formazioni Cadetti e Juniores (classe 1982/83), con alcuni inserimenti di ragazzi da Società
vicine.
La stagione 2001/02 è dura, ma si giunge alla salvezza nell’ultima giornata a Piumazzo.
L’anno dopo ci si presenta meglio attrezzati. Grazie ad uno sponsor che crede nella squadra (la Malz di
Luzzara) è allestita una squadra di buon livello, capace di arrivare agevolmente ai play-off, ma quest’ultimi
si rivelano troppo ardui per la squadra rossoblu.
Durante l’estate 2003 è nominato presidente l’avvocato Marco Bagni (3° nella storia rossoblu).
Nel 2003/04 si riparte con obiettivi di promozione, ma s’inizia molto male, e l’allenatore (Campanini) viene
sostituito in novembre. La squadra viene presa in mano dal responsabile di settore Golfieri, che riesce a
portarla alla salvezza dopo lo spareggio di Reggio Emilia contro i Giganti di Modena.
Nel 2004/05 alla guida del neo-coach Torreggiani, la Malz Guastalla, molto rinnovata nei giocatori, sfiora la
finale, perdendo in semifinale contro l’Olimpica Reggio Emilia. La palestra Bruno Rossi torna a popolarsi
dopo anni di grande vuoto. Si formano anche i tifosi organizzati, che prendono il nome di Brigata Franton.
Intanto dal settore giovanile escono atleti richiesti da molte Società, ripagando la scelta di lavorare
fortemente sui giovani.

2005 – 2010: La stagione 2005/06 sarà ricordata come quella del ritorno in serie D. Al termine di un
campionato trionfale, la Malz Guastalla guidata da coach Torreggiani vince la finale del 26 maggio
contro il Rubiera 2000 per 74 a 52, in un palasport di Reggio Emilia preso d’assalto da oltre 500
spettatori giunti da Guastalla.
Con l’entusiasmo ancora a mille, arriva la tegola della palestra…. A sole 2 settimane prima dell’inizio del
campionato di Serie D, la FIP comunica alla Società che non potrà giocare alla Bruno Rossi di Guastalla,
poiché la palestra cittadina non è più a norma.
In una situazione di gran disagio, la Pallacanestro Guastalla trova ospitalità e solidarietà dal Marconi
Castelnovo Sotto, che mette a disposizione il proprio palasport per le partite interne.
L’anno da matricola, aggiunto alla questione palestra, non permette alla squadra di esprimersi al meglio, ma
lo stesso si raggiunge la salvezza al termine di un gran girone di ritorno.
Anche nel 2007/08 la squadra (che cambia sponsor, diventando Hit) gioca a Castelnovo Sotto. Il team
raggiunge la finalissima per accedere alla Serie C2, persa però contro il forte Altedo.
A livello giovanile, gli atleti Verzellesi Nicola e Perini Umberto, entrambi classe ’89, sono ceduti in serie
B2, tagliando un traguardo mai raggiunto da un giocatore cresciuto nel nostro settore giovanile.
Nell’estate del 2008 Golfieri Gabriele viene eletto 4° presidente della Società.
A stagione 2008/09 già iniziata, la ditta Platform Basket di Poviglio diventa main sponsor della Società.
La stagione 2008/09 è molto ostica per la prima squadra che, partita con ambizioni di play-off, si trova
invece a lottare nei bassifondi per buona parte del campionato, per poi centrare la salvezza grazie all’ottimo
finale di torneo.
Nelle giovanili si rispolvera la sinergia con Luzzara e, per la prima volta, con Gualtieri . L’Under 17 disputa
la finale provinciale CSI, perdendo contro il S.Ilario. Nelle altre giovanili si fa notare l’Under 13 di coach
Cavicchioli, che centra uno storico piazzamento play-off!
Nell’estate del 2009, dopo 5 anni ricchi di soddisfazioni, coach Torreggiani lascia il timone della prima
squadra a Davide Cavalieri, ex-allenatore del Cus Parma e primo allenatore parmigiano della Pallacanestro
Guastalla. Assieme a Cavalieri giungono a Guastalla il vice Ghezzi, ed alcuni dei giocatori migliori del Cus
Parma. A livello giovanile s’intensificano le collaborazioni con Gualtieri e Luzzara, che portano alla
completa sinergia nella fascia d’età delle scuole superiori.
La prima squadra, dopo aver polverizzato i record di vittorie consecutive, punti in classifica e punti realizzati
in Serie D, viene sconfitta in semifinale play-off a San Patrignano, mentre le formazioni giovanili riescono a
ben figurare nei rispettivi campionati.
L’estate 2010 porta ulteriori grandi novità. La prima squadra del confermato coach Cavalieri perde in un sol
colpo gli “storici” atleti Andrea Grassi e Garzelli Edoardo ed il vice Luca Righi, ma soprattutto il capitano
Stefano Ferrari, che lascia dopo 21 anni (dei quali 10 in prima squadra).
La palestra Bruno Rossi di Guastalla subisce importanti migliorie, che però non permettono ancora alla
prima squadra ed alle formazioni giovanili dalla Under 15 alla Seconda Divisione (rinnovate le
collaborazioni con Gualtieri e Luzzara) di poter tornare a giocare “veramente” in casa…
STAGIONE 2010/2011
Serie C!
Nell’anno del 25° anniversario di fondazione, la Società raccoglie una serie di successi a dir poco clamorosi.
Il 7 maggio 2011, vincendo per 86 a 68 contro il Vis Persiceto nell’ultima giornata di campionato, la prima
squadra raggiunge per la prima volta nella storia la Serie C Regionale, al termine di una stagione costellata
da ben 28 successi su 30 incontri disputati.
A livello giovanile da segnalare la vittoria del Torneo Betti di Guastalla, del Trofeo dell’Amicizia (aquilotti)
a Poviglio, del Torneo Under 14 di chiusura FIP, oltre che alla disputa della finale di Coppa Emilia Under 19
con la formazione allestita assieme a Luzzara e Gualtieri.
IL 25° ANNIVERSARIO
Il 9 settembre la Pallacanestro Guastalla compie 25 anni, ed il 18 dello stesso mese viene organizzata la festa
per la celebrazione di questo importante traguardo.
All’interno del Palazzo Ducale di Guastalla, si ritrovano molti dei dirigenti, allenatori e giocatori che hanno
fatto la storia della nostra Società.
Una giornata di grandi emozioni per chi ha portato e difeso i nostri colori.
STAGIONE 2011/12
LA COPPA EMILIA E’ NOSTRA!

Dopo 12 anni di collaborazione, Roberto Cavicchioli lascia la direzione del settore giovanile, consegnando il testimone a Tiziana Soliani. Per quanto riguarda le Under si conferma la collaborazione con Luzzara e Gualtieri, mentre si apre una nuova frontiera. Per il solito problema della palestra, le formazioni Under 15 e Under 13 emigrano a Dosolo (MN)….
La prima squadra, per la prima volta nella nostra storia impegnata in Serie C Regionale, viene rinnovata con l’inserimento di alcuni giocatori di categoria, e con ragazzi provenienti dal nostro settore giovanile o da altre realtà provinciali.
In campionato la Platform Basket fa benissimo, vincendo la regoular-season con 17 vittorie su 20 incontri. Ai play-off però, dopo aver fatto suo il primo turno contro l’Artusiana Forlimpopoli, viene eliminata dalla G.Scirea di Forli.
Il 6 gennaio 2012 la Pallacanestro Guastalla vince il trofeo più importante della sua storia a livello seniores. In quel di Castel Guelfo (BO), vince la COPPA EMILIA ROMAGNA battendo il San Marino per 65 a 45, divenendo inoltre la prima squadra reggiana a conquistare il più importante trofeo a livello regionale.
Gennaio 2012 è anche il mese di una brutta tegola che si abbatte sulla Pall. Guastalla. Il 20 muore a soli 42 anni Cristiano Braglia, bandiera della Società negli anni ’80 e ’90.
A livello di settore giovanile va segnalata la vittoria della Under 15 nel campionato di chiusura FIP.
Il terribile terremoto del 20 e 29 maggio 2012 farà terminare anzitempo la stagione sportiva.

2012….
Gravata dalle già pesanti difficoltà logistiche esistenti, la stagione parte con le ulteriori aggravanti causate dal sisma di maggio.
A livello giovanile si amplificano ulteriormente le collaborazioni. Under 19 e Under 17 elite con gli Eagles Basket, Under 17 con lo Sciotaim Campagnola, Under 15 e Under 13 con la Pallacanestro Reggiolo. A Guastalla rimane solo il minibasket che, dopo un inizio stentato, ritrova col tempo un buon seguito di atleti.
La prima squadra, alla sua 2a stagione in C Regionale, si classifica al 2° posto in regoular season, per poi proseguire nei play-off, dai quali esce sconfitta ai quarti di finale per mano dell’Altedo.
Dopo un anno di stop causato dal sisma, riprendono il torneo estivo 3c3 e il Memorial Betti, inseriti all’interno della 1a Sagra dello Sport.
Nella stagione 2013/14 vengono allestite la Serie C, la Under 19 con gli Eagles, mentre l’under 17 riprende il nome Guastalla, pur restando a giocare a Campagnola.
La stagione della prima squadra non è delle più esaltanti (6° posto in regoular-season e uscita al primo turno di play-off per mano della Raggisolaris Faenza), mentre a livello giovanile si raccolgono ottime cose, soprattutto con gli Under 19, gli Under 17 (vincitori del Torneo di chiusura FIP) e il minibasket.

Il 9 aprile 2014, dopo un C.D. straordinario, la Società comunica che non parteciperà al campionato di Serie C Regionale 2014/15, così come a nessun altro campionato senior, mantenendo solamente il settore giovanile.
La decisione, arrivata dopo 8 anni dallo “sfratto” da Guastalla, è figlia della totale mancanza di sensibilità nei confronti degli sport indoor, che le amministrazioni comunali di Guastalla hanno avuto negli ultimi 30 anni.

2014 – oggi
La prima stagione senza prima squadra vede un ridimensionamento del C.D., con le uscite di alcuni dirigenti tra i quali il vice-presidente Graziano Benassi, che morirà improvvisamente il 3 ottobre.
A livello agonistico, si chiude l’esperienza con gli Eagles Basket, mentre rimane quella con Reggiolo.
Le squadre che prendono il via sono l’Under 19, Under 15 (Reggiolo), Under 13, Esordienti e il settore minibasket.
Anche nella stagione 2015/16 il C.D. decide di non predisporre una prima squadra, allestendo solo formazioni giovanili (Under 20, Under 16 in collaborazione con Reggiolo, Esordienti e Aquilotti). Da segnalare l’avvicendamento tra Eugenio Benatti e Stefano Masoni sulla panchina dell’Under 20.
Il 1° dicembre 2015, improvvisamente, viene a mancare Fabio Pasini, ex giocatore, nonché allenatore sia delle giovanili che della prima squadra, tra gli anni ‘80 e ’90.




RINGRAZIAMENTI
Questa storia non potrebbe mai essere stata scritta, senza il prezioso e fondamentale contributo degli “storici”
Tiziano Soresina e Marco Tagliavini.
Tiziano è stato giocatore della Saturno, co-fondatore del GS Basket Guastalla, dirigente e addetto stampa durante i primi anni di vita della Pall. Guastalla. Ha pubblicato un volume nel 1999 (Guastalla a Canestro) dal quale sono state attinte molte delle informazioni che avete letto.
Marco invece è la memoria storica dell’US Saturno, e l’attuale segretario generale della polisportiva stessa. Grazie alla sua memoria, ed al lavoro storico che ha fatto per i festeggiamenti dei 60 anni della Saturno (2004), siamo riusciti ad ottenere importanti informazioni per questa pubblicazione.




Favella Paolo
AS PALLACANESTRO GUASTALLA
Ultimo aggiornamento: gennaio 2016

La Nostra storia

 
Torna ai contenuti | Torna al menu